L’IMPORTANZA DELLO SCHIUMATOIO

INTRODUZIONE AL FITOPLANCTON VIVO
Dicembre 30, 2017
FLUCONAZOLO CONTRO LE ALGHE
Dicembre 30, 2017
Show all

L'IMPORTANZA DELLO SCHIUMATOIO


Fino agli anni 90’ lo schiumatoio era usato ben poco, ci si affidava il tutto al filtro biologico, oggi ormai da noi snobbato. Si senti’ il bisogno di apportare al nostro sistema sicurezza, essendo che la conduzione con filtro biologico era molto instabile, con sbalzi di valori e crescita improvvisa di colonie algali. Un po’ di chimica. Una cosa importantissima che aiuta a capire il funzionamento e l’uso dello schiumatoio è il ciclo dell’azoto o per lo più il ciclo dei composti azotati (ammoniaca, nitrito e nitrato) il ciclo dell’azoto proviene da delle sostanze organiche introdotte nell’acquario (es. cibo) che attraverso l’ossidazione o il cosiddetto ciclo di Krebs arriviamo alla formazione in proteine (NH). una parte di proteine aiuteranno la vasca e gli animali per il proprio fabbisogno, la deaminazione di una parte di proteine andranno a sviluppare dei residui amminici, l’ammoniaca appunto, tossico per la vasca. Questa ammoniaca di origine biologica dovrà essere smaltita dall’ossidazione dovuta al lavoro delle colonie batteriche creatosi nelle zone porose del nostro acquario. Questo processo ossidativo avviene attraverso 2 passaggi:
-Il primo processo è svolto dai “Nitrosomonas” ovvero la nitrosazione, dove questi batteri trasformeranno l’ammoniaca (NH3) in nitriti (NO2).
-Il secondo processo è svolto dai Nitrobacter in cui i nitriti formatosi prima vengono ossidati in nitrati (NO3).
Quindi senza schiumato e quindi senza l’esportazione delle proteine, avremmo degli accumuli di NO3 che porteranno alla comparsa di alghe, non desiderate nel nostro acquario.

com’è fatto lo schiumatoio?

Lo schiumato è composto sostanzialmente in tre parti:
-Colonna di contatto, dove vengono miscelati acqua e aria.
-Collo, lungo il quale risale la schiuma per poi depositarsi nel bicchiere.
-La pompa di schiumazione: composta da una girante e da una venturi, che aiutano alla miscelazione acqua/aria.

il funzionamento.

Le proteine, i lipidi, ecc…hanno una testa idrofoba e una coda idrofila. Quando all’acqua viene miscelata aria sotto forma di minuscole bolle queste molecole (che si trovano disciolte nell’acqua) si dispongono lungo la superficie esterna delle bolle d’aria con la testa rivolta verso le bolle d’aria e la coda in direzione opposta.
A questo punto le bolle risalgono lungo la colonna di contatto e nel collo dove formano una schiuma densa per poi finire dentro il bicchiere dello schiumatoio dove va a raccogliersi come un liquido scuro, denso e puzzolente carico di sostanze di rifiuto e batteri che vivono in sospensione nell’acqua, con la conseguente eliminazione di proteine.
N.B.
l’unico difetto se così si può chiamare è che oltre ad eliminare sostanze di rifiuto, vengono eliminate anche sostanze fondamentali per l’acquario come l’eliminazione di oligominerali in particolare dello iodio ferro e alcuni amminoacidi.


Regolazioni che possiamo apporre allo schiumatoio.

Altra cosa importantissima per avere una giusta schiumazione è il come regolare uno schiumatoio. Io consiglio di avere sempre l’aria aperta al massimo per una maggiore miscelazione, e giocare solo con l’entrata dell’acqua all’interno della camera di contatto dello skimmer. Nel nostro gergo usiamo spesso l’espressioni di una schiumazione “asciutta” o “bagnata”.
- Asciutta: avviene quando abbiamo il livello nella camera di contatto dello schiumatoio molto bassa, quindi prima di tracimare nel bicchiere la schiuma si asciuga troppo ottenendo molta fanghiglia densa sia nel collo che all’interno del bicchiere, spesso è usata su vasche molto magre con una conseguenza di eliminazione più lenta degli organici.
- Bagnata: avviene quando abbiamo il livello nella camera di contatto dello schiumatoio molto alta così da permettere alla schiuma di non asciugarsi troppo e tracimare prima nel bicchiere, questa impostazione viene usata spesso per vasche con alto carico organico.
Questo non significa che con l’impostazione bagnata eliminiamo maggiore organico rispetto a quella asciutta, ma solamente più velocemente rispetto alla seconda.

Manutenzione schiumatoio.

Per avere sempre il massimo delle prestazioni dal tuo schiumatoio c’è bisogno di una costante manutenzione:
-Pulizia settimanale del bicchiere.
Dopo una settimana di sporco lavoro il bicchiere si sarà riempito di un liquido marrone e puzzolente e sugli ultimi centimetri del collo di esso si formerà altrettante melma che dovrà essere rimossa con uno spazzolino o una spugna.

-Pulizia pompa di schiumazione.
Nel complesso questo tipo di manutenzione non necessita di una pulizia constante. Consiglio di pulirla almeno ogni 6 mesi, smontando la pompa e le sue componenti (coperchio, girante etc..) e immergerle in una soluzione di acido muriatico diluito al 10% con acqua, spesso usato per pulire anche altri componenti dell’acquario.

-Pulizia dell’iniettore dell’aria.
Molto importante è la pulizia del cosiddetto “tubicino dell’aria” spesso questo componente importantissimo dello schiumatoio si ottura con residui di calcio e di sale. Quindi è buona abitudine iniettare all’interno del tubicino, con una siringa da insulina, 5 ml di acqua d’osmosi calda, così da far sciogliere i residui rimasti nel tubo. Per un corretto funzionamento dello schiumatoio è buona abitudine di ripetere questa procedura ogni settimana.

Spero vi sia piaciuto, cordiali saluti.
autore: Antonio Capasso
26510245_874414726069819_1154505773_o

Esempio di schiumato "Asciutto"

melma

Esempio di schiumato "Bagnato"

26034667_249033738965542_1431845327_n
21433087_213326839202899_8027112313988042685_n

1 Comment

  1. Andrea giuliano ha detto:

    Ottimo articolo! Grazie.

Rispondi a Andrea giuliano Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *